6 giorni fa

flamantrose:

Parigi, innamorati (1954) - Gianni Berengo Gardin
"Io sono un guardone - un fotografo deve essere un guardone -, gli innamorati mi piacciono. Anzi, data l’età, sono anche molto invidioso di chi si bacia per strada. Dovete pensare che quando ho fatto una delle mie prima foto di questo tipo in Italia, eravamo nel 1950 circa, era proibito baciarsi per strada. Si poteva essere arrestati per oltraggio al pudore. Erano quindi momento rubati di un atteggiamento proibito. Anche quando ero in Francia ho continuato a fotografare come un disperato coppie che si baciavamo perché a Parigi tutti si baciavamo per strada."

flamantrose:

Parigi, innamorati (1954) - Gianni Berengo Gardin

"Io sono un guardone - un fotografo deve essere un guardone -, gli innamorati mi piacciono. Anzi, data l’età, sono anche molto invidioso di chi si bacia per strada. Dovete pensare che quando ho fatto una delle mie prima foto di questo tipo in Italia, eravamo nel 1950 circa, era proibito baciarsi per strada. Si poteva essere arrestati per oltraggio al pudore. Erano quindi momento rubati di un atteggiamento proibito. Anche quando ero in Francia ho continuato a fotografare come un disperato coppie che si baciavamo perché a Parigi tutti si baciavamo per strada."

Cite Arrow via neroinchiostro
1 settimana fa 2 settimane fa

Fulmini e poi tuoni. Tre tonfi forti e così regolari che sembrano i tre botti che segnano la fine delle manifestazioni pirotecniche. Bum. Bum. Bum. Fine dell’estate. Il primo settembre è un po’ il prequel del primo gennaio no? Il primo settembre mette in riga. Ma più blandamente, che la vera resa dei conti, il reale cambiamento fisico e spirituale comincia comunque sempre il primo di gennaio. Insomma pare che con il diluvio che sta violentando incessantemente i davanzali si chiuda ufficialmente la stagione estiva. Così dicono i metereologi a cui io non darei più che tanto credito di sti tempi. Estate 2014, cara, tra le miriadi di tuoi oppositori io ti ricorderò come la migliore estate degli ultimi dieci anni. Un giorno di ventilatore acceso, un solo weekend di mare mancato, serate sempre fresche, rarissimi momenti d’afa, cieli da far invidia ai paesi nordici per nitidezza e multiforme ricchezza di nuvole, tramonti carichi di rossi, arancioni, gialli e rosa.

G.R.A.Z.I.E.

3 settimane fa

Amazing work!

3 settimane fa

Che belli i sogni quando mescolano ricordi spensierati e luoghi d’infanzia soleggiati con persone e desideri attuali. 

Che coglioni il risveglio quando è piovoso e solitario e nega qualunque pensiero inconscio fatto dieci secondi prima.

1 mese fa 1 mese fa

nevver:

Your moment of Zen, Hengki Koentjoro

Che pace.

(Fonte: behance.net)

Cite Arrow via zuccaquasivuota
1 mese fa

Estate 2014, sarai piovosa, ma con sti tramonti, sti cieli, ste nuvole, sta luce non mi fai rimpiangere nulla a Trieste, anzi…

- Cosa stai facendo?
- Sto scrivendo un sogno. 
- Che vuol dire? 
- Che ho fatto un sogno bello e sto cercando di riprodurlo nella realtà per averne gli stessi effetti. 
- Temo non funzioni così… E guarda qui, hai anche sbagliato  di scrivere l’accento!
- Nel sogno lo sbagliavo e quindi lo scrivo sbagliato anche adesso, se lo scrivo giusto non vale più.
- Mmm… 
-  Ecco, anche nel sogno pronunciavi uno scettico mmm, vedi che ho fatto bene a riscriverlo sbagliato?
- C’ero anch’io?
- Che sogno sarebbe stato senza di te?
- Ma questa è la realtà. 
- Allora il mio sogno si sta realizzando!
- O forse stai ancora sognando…
- In questo caso vorrà dire che domani mattina quando mi sveglierò scriverò tutto di nuovo. 
- E quando finirà questo circolo vizioso?
- Quando mi bacerai, è ovvio. 

- Cosa stai facendo?

- Sto scrivendo un sogno. 

- Che vuol dire? 

- Che ho fatto un sogno bello e sto cercando di riprodurlo nella realtà per averne gli stessi effetti. 

- Temo non funzioni così… E guarda qui, hai anche sbagliato  di scrivere l’accento!

- Nel sogno lo sbagliavo e quindi lo scrivo sbagliato anche adesso, se lo scrivo giusto non vale più.

- Mmm… 

-  Ecco, anche nel sogno pronunciavi uno scettico mmm, vedi che ho fatto bene a riscriverlo sbagliato?

- C’ero anch’io?

- Che sogno sarebbe stato senza di te?

- Ma questa è la realtà. 

- Allora il mio sogno si sta realizzando!

- O forse stai ancora sognando…

- In questo caso vorrà dire che domani mattina quando mi sveglierò scriverò tutto di nuovo. 

- E quando finirà questo circolo vizioso?

- Quando mi bacerai, è ovvio. 

Corri Giu corri…

Beati coloro a cui la corsa rilascia endorfine. A me stimola solo fame e peristalsi.

Free Web Site Counter
Free Web Site Counter
Chalk Board theme